Pensiline Atp Sassari
Foto: Pensiline Atp Sassari / Google Immagini

Partirà stasera, 18 marzo, dalle 20, l’azione di sanificazione, a opera del Comune di Sassari e Ambiente Italia, nelle aree circostanti le fermate dei mezzi di trasporto pubblico, sia le pensiline che le paline, in quanto zone esposte alla contaminazione poiché gli utenti devono sostare in prossimità delle fermate. L’attività si concluderà alle 8 di domani, e sarà soltanto la prima di una serie, fino al completamento delle fermate in tutta l’area cittadina, per poi ripartire. Sarà usato ipoclorito di sodio all’1%.

Le fermate interessate dalla sanificazione

Si inizierà dal capolinea di via Carlo Felice (capolinea centro ecologico), poi piazzale Segni, via Coraduzza, via Gramsci, via Luna e Sole, viale Trento, via Gorizia, via degli Astronauti, via Prunizzedda, via Duca degli Abruzzi, viale Dante, corso Francesco Cossiga, corso Margherita di Savoia, corso Vico, Porta sant’Antonio, corso Vittorio Emanuele II, piazza Azuni, largo Cavallotti, via Brigata Sassari, via Tavolara, piazza d’Italia, via Roma, viale Umberto I, corso Trinità, corso Pascoli.

Via Milano, via Siglienti, via Carbonazzi, via Forlanini, viale Italia, via Amendola, via Napoli, via Rizzeddu, via Verona, via Parigi, via delle Croci, via Piandanna, via Silki (compreso capolinea piazza Silki), piazza Stazione, via Bogino; corso Pascoli, via Baldedda, via Deledda (fino al capolinea san Francesco), via Manzoni, via Micca, via Ruffilli, via Bachellet, via Bellini, via Solari, via Cilea, via Leoncavallo.

È consigliato, nelle prime ore della giornata, non sedersi sulle panchine disinfettate. Si tratta di un intervento puntuale e mirato, legato anche a quanto disposto dalla normativa vigente per il contrasto del Covid-19 che prevede la sanificazione della rete di trasporto pubblico.

Il Comune di Sassari ricorda che l’intervento di sanificazione degli spazi aperti non è previsto da nessun decreto, né circolare ministeriale né da disposizioni regionali o dall’autorità sanitaria, mentre è assolutamente prescritto per i luoghi chiusi contaminati.

L’eccessivo utilizzo di composti a base di cloro indicati per la sanificazione potrebbero infatti causare danni ambientali, come segnalato dal Ministero della Salute e da Aziende regionali per la protezione dell’Ambiente. Non esiste evidenza scientifica, al momento, della sua utilità nell’uso negli spazi aperti, per arrestare la pandemia, come già sottolineato dal sindaco Gian Vittorio Campus durante una conferenza stampa.

L’Amministrazione comunale sta monitorando tutte le informazioni necessarie per procedere immediatamente qualora dovesse diventare utile sanificare alcuni luoghi all’aperto, come sta già facendo nelle aree di fermata degli automezzi pubblici urbani.

Tutte le informazioni ufficiali del Comune di Sassari sono comunicate sul sito www.comune.sassari.it o nella pagina Facebook (accessibile anche a chi non ha Facebook).