Spiaggia La Pelosa
Foto: Spiaggia La Pelosa / Ufficio Stampa

Sono pronti ad aprire e lo faranno a scaglioni, a iniziare da sabato 20 giugno sino a venerdì 3 luglio. Gli operatori ricettivi di Stintino si preparano per la fase 3 e cercano di lasciarsi alle spalle quasi quattro mesi di chiusure che rappresenteranno, di sicuro, un macigno che in molti si porteranno dietro nella ripartenza. “Ma lo spirito della ripresa è quello giusto e nessuno vuole gettare la spugna”, afferma l’assessore comunale al Commercio, Angelo Schiaffino, che in questi giorni ha sentito i numerosi operatori commerciali del territorio.

“La Stintino turistica è aperta e pronta ad accogliere i turisti – riprende Angelo Schiaffino –, quasi la totalità, tra gli alberghi di medie e piccole dimensioni, hanno programmato una riapertura graduale e alcuni sono già aperti. Per quanto riguarda i b&b, invece, quasi il 90 per cento delle strutture ha già aperto i battenti. Gli operatori che hanno aperto e che si accingono a farlo si sono impegnati a garantire delle vacanze sicure nel rispetto delle misure e delle procedure anti-Covid che sono state previste”.

“Siamo orgogliosi per la caparbietà e tenacia dei nostri operatori ricettivi – prosegue – e siamo sicuri che giocheranno un ruolo decisivo e fondamentale in una stagione turistica molto difficile come questa. Alcuni hanno lanciato offerte e pacchetti straordinari, altri invece si impegnano a fornire servizi extra in linea con le necessità del momento”.

Bar e ristoranti invece hanno iniziato ad aprire i battenti il 18 maggio scorso: “Inizialmente – afferma – solo pochi se la sono sentita ma poi, per fortuna, alla spicciolata hanno aperto quasi tutti. La loro riapertura è stata fondamentale per restituire luci, colore e vita alla nostra località e accogliere i primi clienti, prima quasi tutti locali o di prossimità, mentre ultimamente si inizia a vedere qualche viso nuovo”.

Ripartono anche le escursioni in barca e al parco dell’Asinara. “Diversi operatori mi hanno confermato di essere disponibili e operativi già da questo fine settimana. Ovviamente – continua Angelo Schiaffino – le prenotazioni sono ancora poche o nulle ma, sicuramente, è da apprezzare l’atto di coraggio e la voglia di ripartire, di garantire un servizio e salvare dei posti di lavoro, tra mille difficoltà”.

Operativi da alcuni giorni anche quasi tutti gli stabilimenti balneari. Insomma Stintino è definitivamente aperta e pronta ad accogliere i suoi visitatori “in sicurezza, relax e ristoro fisico e mentale”.

L’amministrazione comunale, intanto, è andata incontro ai cittadini e agli operatori commerciali, facendo il massimo per quanto gli compete. Tra le iniziative adottate per facilitare la ripartenza, dopo il lockdown di tre mesi, la riduzione dei contributi locali, ad esempio per l’occupazione del suolo pubblico e per la Tari, quindi il rinvio a settembre della prima rata dell’Imu.