Bruno Tommaso e gli allievi
Foto: Bruno Tommaso e gli allievi / Ufficio Stampa

Entrano nel vivo gli eventi live di Stintino Jazz&Classica, le masterclass di musica organizzate dall’Associazione culturale LABohème insieme al Comune di Stintino.

Domani, mercoledì 8 luglio alle 19.30, è in programma “Great jazz composers”, la prima delle lezioni-concerto – gratuite e aperte a tutti fino a esaurimento posti – ospitate nel giardino del Museo della Tonnara. Sarà una cavalcata tra le musiche di jazzisti che sono stati anche grandi autori come Thelonious Monk, Charlie Parker, Duke Ellington, Joe Henderson e John Coltrane. A dar vita alle loro immortali composizioni, un gruppo di musicisti guidato dal direttore e chitarrista Roberto Spadoni, docente del corso di Jazz. Con lui Dante Casu (clarinetto) e Roberto Mura (corno) insieme ad alcuni giovani allievi che si sono distinti nelle ultime edizioni di Stintino Jazz: Mario Careddu (tromba), Giuseppe Bussu (sax alto), Andrea Budroni (pianoforte), Gabriele Fais (contrabbasso) e Federico Pintus (batteria).

La seconda lezione-concerto, venerdì 10 luglio alle 19.30, sarà invece “Great American songwriters”, dedicata agli standard jazz, grandi classici nati per lo spettacolo e il musical ma rivisti in chiave jazzistica. La terza e ultima lezione-concerto di questa settimana sarà ancora alle 19.30 di sabato 11 con la partecipazione di Bruno Tommaso, monumento del Jazz italiano nella “Grande famiglia allargata del Jazz: tango, bossa nova, un pizzico di canzone italiana e persino di classica”.

Sabato 18 luglio, nella stessa location del MuT alle 19.30, si concluderà con il saggio finale la settimana della masterclass di Canto lirico guidata da Elisabetta Scano.