Dinamo Women
Foto: Dinamo Femminile / Ufficio Stampa

Seconda partita stagionale tra le mura amiche del Pala Serradimigni (dopo l’esordio, vincente, contro Battipaglia) per la Dinamo Sassari femminile. Le avversarie sono tra le concorrenti allo scudetto, la Virtus Bologna di coach Lorenzo Serventi.

Dinamo che parte col solito quintetto (Mataloni, Arioli, Calhoun, Fekete, Burke). Virtus con Battisodo, Barberis, Williams, Bishop, Begic. Inizio scoppiettante delle avversarie, che dimostrano perché sono già a punteggio pieno nella classifica della serie A1 Techfind (insieme a Schio e Reyer). Le sarde segnano quasi solamente con le due americane e la Dinamo chiude a fatica la prima fazione sotto di dieci lunghezze (17-27).

Nel secondo quarto si accentua il dominio delle V nere, sia a livello fisico sia tecnico. Il 3° fallo di Burke, costretta a rientrare in panchina, complica la situazione in casa Dinamo e le virtussine doppiano le sassaresi. Ma è la stessa Burke a rientrare in campo e a concedere al risicato pubblico del Palazzetto, per ragioni anti-covid, sprazzi di bel basket. Si va negli spogliatoi sul 36-51 con Williams e Bishop in doppia cifra. Le sassaresi con solo 4 giocatrici a referto (Burke 14, Calhoun 13, Arioli 7, Pertile 2).

Seconda metà di gara di tutt’altro livello e sprint per la Dinamo, trascinata da capitan Arioli che illumina sia in difesa sia in attacco. Il tap-in di Calhoun dopo il guizzo in contropiede di Mataloni costringe il coach avversario a chiamare time-out (44-53). Dopo qualche minuto in cui non si segna è di nuovo Arioli a ispirare le compagne e a far entrare in partita, tra le altre, Fekete. La Dinamo accorcia le distanze portandosi prima a meno 12 (49-61) poi, trascinata dal collettivo, a meno 3 con una tripla di Pertile, costringendo, ancora una volta Servanti a chiedere il time-out (58-61). Dinamo che arriva anche al pareggio (62-62) ma poi subisce un parziale di 6-0 delle bianconere a due minuti dalla fine. Per Calhoun non è finita, e da oltre i 6.25 porta la Dinamo a meno 3 (65-68). La Virtus però dimostra di essere più forte e più granitica e mette la firma sulla partita. Finisce 66-72. A Sassari si fanno ammirare Williams, la campionessa mondiale del 3×3 D’Alie e Begic. Per le sassaresi ottima reazione dal terzo periodo in poi grazie all’incipit di Arioli (9 pt e 5 assist). La rimonta dal -22 fino al 62 pari è stata appassionante e sarà un monito per le altre squadre: a Sassari per vincere bisogna fare gli straordinari.

Dinamo Sassari: Saba, Calhoun 22, Arioli 9, Mataloni 4, Costantini, Gagliano, Fekete 6, Cantone 2, Burke 20, Scanu, Pertile 5, Fara. All. Antonello Restivo

Virtus Bologna: D’Alie 6, Begic 17, Tassinari 2, Bishop 15, Tava, Barberis 2, Battisodo 5, Cordisco, Williams 25, Rosier. All. Lorenzo Serventi